La politica a cena da Confindustria per risolvere la crisi

Giorgio Squinzi ha organizzato una “cena confronto” con i politici per discutere delle misure necessarie per il rilancio dell’Economia. Il M5s si defila: “Di queste cose si ragiona in Parlamento non a tavola”

ROMA – Una grande tavola imbandita, un menù certo non di “alta classe”, perchè è pur sempre periodo di spending review, e un bel bicchiere di vino che, si sa, aiuta ad avere buone idee. E di buone idee per risolvere l’ormai interminabile momento di recessione per l’economia italiana ce n’è davvero bisogno. Così Giorgio Squinzi, “nostro Signore” dell’economia, ha deciso di convocare i presidenti di Camera e Senato e i presidenti di tutte le Commissioni parlamentari. Appuntamento per martedì sera alla foresteria di Confindustria a Roma, in via Veneto, per una bella cenetta di confronto. Hanno già accettato tutti, meno uno che non sarà della “combriccola”.

E i malpensanti stiano al loro posto perché Squinzi assicura che, fra una portata e l’altra, chiarirà “i messaggi e la nostra visione a tutte le istituzioni, le nostre proposte che sono tantissime di cui dovremo parlare nei prossimi mesi, a partire dalla necessità di tagliare il cuneo fiscale. Sarà un incontro orientato al dialogo – ha (ri)sottolineato il numero uno di via dell’Astronomia – perchè la mia Confindustria è una Confindustria che dialoga, non urla nè impone”.

SQUINZI E LA CRISI: “NESSUNA LUCE IN FONDO AL TUNNEL”

Primo piatto della serata, oltre all’immancabile “cacio e pepe”, la necessità di avviare un rilancio dell’economia. Per evitare quello che Squinzi ha definito “il nostro difetto più pericoloso: una propensione quasi naturale a conservare lo status quo”. Secondo, quello metaforico, la richiesta di allegerire il peso delle tasse sul lavoro e sulle imprese: “So che c’è un dibattito in corso, noi la nostra idea l’abbiamo già esplicitata. Ancora prima di Imu e Iva – è il pensiero del leader degli industriali – ci sono altri due interventi più urgenti da fare che sono il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione e il cuneo fiscale del lavoro”.

Il menù quindi è pressochè completo: misure per fare ripartire l’economia, domanda e consumi, e strategie per rimettere in moto le aziende, partendo dall’alleggerimento della pressione fiscale sulle imprese. Come ogni buona “festa” che si rispetti, però, c’è sempre qualcosa che va storto. E a rovinare parzialmente l’atmosfera ci ha pensato Roberto Fico, grillino presidente della Commissione Vigilanza Rai, che ha declinato l’invito di Squinzi.

CONTRO MERKEL E MONTI: “TROPPA AUSTERITA'”

“Ho ricevuto anche io l’invito del Presidente di Confindustria alla cena – ha scritto Fico sulla sua pagina Facebook – Ho deciso di non partecipare per un motivo semplice: sono convinto che il cambiamento di cui questo Paese ha bisogno debba passare anche attraverso comportamenti votati alla coerenza e al rispetto delle Istituzioni. Ho ringraziato Giorgio Squinzi per l’invito ma non credo che una ‘cena ristretta’ sia il luogo ideale per discutere dei progetti di legge e dei provvedimenti necessari per il rilancio del Paese”. Una linea subito sposata anche dal leader M5s Beppe Grillo che sul suo blog ha scritto: “Squinzi venga in Parlamento”.  

“E’ il Parlamento – ha confermato Fico – la sede opportuna. Le nostre Camere devono assolutamente ritrovare la centralità costituzionale di organo legislativo e non devono ridursi solo a ratificare i decreti governativi. E il fatto che i presidenti di Camera e Senato abbiano accettato di partecipare a questa serata mi lascia sinceramente perplesso. I temi di preciso interesse pubblico – ha accusato – devono essere discussi nei luoghi istituzionali a questo deputati, anche con la fondamentale partecipazione di tutti i protagonisti della vita economica e sociale del nostro Paese, e con la massima trasparenza”.

CONFINDUSTRIA: “LE BANCHE SI SONO MANGIATE 44 MILIARDI”

“Spero che il presidente Squinzi – ha concluso – accetti invece la mia proposta. Organizziamo un incontro sulle prossime necessarie iniziative legislative ma con modalità diverse. Ho suggerito le sedi delle Commissioni Parlamentari. Aspetto, a questo punto, un riscontro”. Chissà se gli altri, invece, aspettano di sapere il menù.

Fonte: http://www.today.it/politica/cena-confindustria-politici.html

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Animazione Ass. “Una Voce Tante Voci”
Animazione Ass. “Una Voce Tante Voci”
PARTNERSHIP
PARTNERSHIP
Programma 2019 Felici & Conflenti
Programma 2019 Felici & Conflenti
Bandi e concorsi
Bandi e concorsi
Leggi E-mail
Leggi E-mail
Ci Sostiene
Ci Sostiene
San Mazzeo & You Tube
San Mazzeo & You Tube
Info
Info
Raccolta differenziata
Raccolta differenziata
Log In
Numeri utili
Numeri utili
Farmacia di turno
Farmacia di turno
The Space Lamezia Terme
The Space  Lamezia Terme
Ci Sostiene
Ci Sostiene
sanmazzeo.it 2013.Tutti i diritti riservati.Marchi registrati e segni distintivi sono di proprietà dei rispettivi titolari.L'uso di questo sito web implica l'accettazione del Disclaimer e delle Regole sulla privacy.info@sanmazzeo.it
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità e inoltre gli articoli presenti nelle pagine di sanmazzeo.it sono condivisi da altre fonti, previo citazione delle stesse. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
SE QUALCUNO DOVESSE SENTIRE LESI I PROPRI DIRITTI CI CONTATTI A INFO@SANMAZZEO.IT E LE FOTO O ARTICOLI VARI SARANNO IMMEDIATAMENTE TOLTI.