L’IMU COSTA CARO: TAGLI PER UN MILIARDO AD OCCUPAZIONE, RINNOVABILI E FERROVIE

Fondo per l’occupazione, ‘fondo bollettè per l’efficienza energetica e le rinnovabili. Ma anche alcune opere in fieri, come il Mose di Venezia, senza contare la trentina di autorizzazioni di spesa dei ministeri (salva la scuola, anche dai 300 milioni di tagli ‘linearì) oggetto di sforbiciate ‘miratè, prime fra tutte le risorse per gli investimenti e la manutenzione straordinaria delle ferrovie (-300 milioni) e le assunzioni straordinarie, in deroga ai blocchi del turnover, per la sicurezza e per combattere l’evasione.

Sono solo alcune delle ‘vocì scelte dal governo per coprire la cancellazione della prima rata dell’Imu e i fondi per Cig e 6.500 esodati. Il fondo per l’occupazione sarebbe servito per finanziare la decontribuzione del secondo livello contrattuale. Con diversi interventi – spiega la Cgil – è stato ridotto e ora è addirittura azzerato. Ma il premier Enrico Letta spiega: «Quei soldi non sarebbero stati utilizzati quest’anno, sarebbero andati in economia».

Ma non ci sono solo le difficoltà nella ricerca di coperture che impegnerà anche il governo nel prossimo futuro. Negativi sono i dati che arrivano invece sul fabbisogno di agosto: nei primi otto mesi vola oltre quota 60 miliardi di euro, quasi il doppio rispetto ai 33,5 mld dell’analogo periodo del 2012. Nel solo mese di agosto si è attestato a quota 9,2 mld. Pesano sul dato – spiega il ministero dell’Economia – il mancato incasso della prima rata Imu (perchè gli effetti delle coperture trovate con il recente decreto si verificheranno nei mesi di novembre e dicembre) e l’accelerazione dei pagamenti per i debiti pregressi della pubblica amministrazione.

Sulle coperture del decreto Imu il Parlamento rischia di trasformarsi per l’ennesima volta in campo di battaglia. C’è la questione del taglio delle detrazioni per le polizze già da quest’anno, mal digerita da tutte le associazioni dei consumatori (Federconsumatori già annuncia possibili azioni legali contro la retroattività della norma). Ma c’è anche la grana della deducibilità per le imprese. Il viceministro dell’Economia Stefano Fassina, poi, torna a chiedere di ripristinare l’Imu sulle case di maggior pregio per trovare le risorse. Intanto il governo per trovare quelle necessarie al provvedimento che inizierà il suo iter alla Camera (già è stato assegnato alle commissioni Bilancio e Lavoro di Montecitorio) ha raschiato il ‘fondo del barilè.

Accanto a ‘macro-coperturè come il gettito Iva dall’ulteriore tranche di rimborsi dei debiti della P.A. (925 milioni) o alla sanatoria sui giochi (600 milioni) si ‘pescanò anche 250 milioni per quest’anno dal fondo per l’occupazione, mentre la Cassa Conguaglio settore elettrico partecipa con un ‘prelievò dalle disponibilità su 40 conti correnti (Mps) di 300 milioni. Altri 200 milioni arriveranno invece, tra 2014 e 2015, da una limatura del finanziamento del Mose, mentre è ridotto di 100 milioni nel 2015 (ne rimangono solo 20) il finanziamento per la realizzazione o il rafforzamento di alcune linee ferroviarie (il terzo valico dei Giovi e la linea Fortezza-Verona di accesso sud alla galleria di base del Brennero).

Dai tagli ai ministeri arriveranno oltre ai 300 milioni ‘linearì per i consumi intermedi altri 675 milioni da 35 voci di spesa già autorizzate: dalle risorse per il gestore dell’infrastruttura ferroviaria nazionale (-300 milioni) al comparto sicurezza, che vede tagliati diversi capitoli di spesa per le assunzioni tra polizia, vigili del fuoco e forze armate (a partire da 50 milioni sulle risorse stanziate dall’ultima legge finanziaria). Non sfugge alla cesoia dell’Imu anche la lotta all’evasione fiscale. Si tagliano di 20 milioni le risorse stanziate nel 2003 per le assunzioni di nuovi ispettori finalizzate alla lotta all’evasione, ma si riduce di 10 milioni anche il fondo per incentivare la mobilità e le trasferte del personale che combatte i contribuenti meno fedeli con il fisco, il lavoro nero, il gioco illegali e le «frodi» fiscali.

Fonte: www.leggo.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Animazione Ass. “Una Voce Tante Voci”
Animazione Ass. “Una Voce Tante Voci”
PARTNERSHIP
PARTNERSHIP
Programma 2019 Felici & Conflenti
Programma 2019 Felici & Conflenti
Bandi e concorsi
Bandi e concorsi
Leggi E-mail
Leggi E-mail
Ci Sostiene
Ci Sostiene
San Mazzeo & You Tube
San Mazzeo & You Tube
Info
Info
Raccolta differenziata
Raccolta differenziata
Log In
Numeri utili
Numeri utili
Farmacia di turno
Farmacia di turno
The Space Lamezia Terme
The Space  Lamezia Terme
Ci Sostiene
Ci Sostiene
sanmazzeo.it 2013.Tutti i diritti riservati.Marchi registrati e segni distintivi sono di proprietà dei rispettivi titolari.L'uso di questo sito web implica l'accettazione del Disclaimer e delle Regole sulla privacy.info@sanmazzeo.it
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità e inoltre gli articoli presenti nelle pagine di sanmazzeo.it sono condivisi da altre fonti, previo citazione delle stesse. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
SE QUALCUNO DOVESSE SENTIRE LESI I PROPRI DIRITTI CI CONTATTI A INFO@SANMAZZEO.IT E LE FOTO O ARTICOLI VARI SARANNO IMMEDIATAMENTE TOLTI.