MORTO IL MARINAIO DEL CELEBRE “BACIO DI TIMES SQUARE”, SIMBOLO DELLA FINE DELLA GUERRA

bacio_times_squareÈ morto a 86 anni, colpito da un infarto in un casinò del Texas, l’ex marinaio protagonista di una foto che fece epoca, quella in cui stava baciando una infermiera a Times Square di New York, durante i festeggiamenti per la fine della seconda guerra mondiale. Si chiamava Glenn McDiffie. La sua foto scattata da Alfred Eisenstaedt e pubblicata sulla rivista Life, avvinto in un bacio appassionato, è diventata subito l’icona della gioia di un Paese intero uscito finalmente fuori dall’incubo del conflitto. Detto questo, la rivista non ha mai verificato l’identità reale dei due protagonisti della celebre immagine, in cui del resto, nella foga del bacio, i visi appaiono parzialmente coperti. Così che in tanti, nel corso degli anni, hanno detto di essere loro i veri protagonisti immortalati dal bacio tra i più famosi della fotografia mondiale. Tanto che ne nacque un caso con una serie di ricorsi da parte di decine di pretendenti. Tuttavia, una nota specialista di arte forense, Lois Gibson, nel 2007 disse la parola fine al dilemma, dando ragione a Glenn. Del resto, questo ex marine, in tutta la sua vita, non ha mai ceduto di un centimetro, arrivando anche a raccontare, nel corso degli anni, come nacque quella foto, scattata nel lontano 14 agosto 1945: «Mi trovavo a New York. Stavo scendendo da una metro a un’altra, quando ho saputo della resa del Giappone. Ero così felice che uscii dalla stazione in cui mi trovavo e corsi per strada. Lì – prosegue l’ex marinaio – vidi una infermiera. I nostri sguardi s’incrociarono felici. Lei mi fece un grandissimo sorriso e mi lanciai subito per abbracciarla e baciarla, senza dire una parola. Poi presi la metro e tornai a Brooklyn». Quel giorno, Glenn era particolarmente felice perchè sapeva che con la fine della guerra avrebbe potuto riabbracciare il fratello maggiore, all’epoca prigioniero di guerra in Giappone. Nato a Kannapolis, North Carolina, nel 1927, aveva appena 15 anni quando falsificò le carte pur di arruolarsi in Marina. Tornato dalla guerra, si sposò tre volte, ebbe tre figli. Sopravvisse a un tumore al polmone, prima dell’infarto che lo ha stroncato mentre giocava al Casinò.

Fonte: www.leggo.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Animazione Ass. “Una Voce Tante Voci”
Animazione Ass. “Una Voce Tante Voci”
PARTNERSHIP
PARTNERSHIP
Programma 2019 Felici & Conflenti
Programma 2019 Felici & Conflenti
Bandi e concorsi
Bandi e concorsi
Leggi E-mail
Leggi E-mail
Ci Sostiene
Ci Sostiene
San Mazzeo & You Tube
San Mazzeo & You Tube
Info
Info
Raccolta differenziata
Raccolta differenziata
Log In
Numeri utili
Numeri utili
Farmacia di turno
Farmacia di turno
The Space Lamezia Terme
The Space  Lamezia Terme
Ci Sostiene
Ci Sostiene
sanmazzeo.it 2013.Tutti i diritti riservati.Marchi registrati e segni distintivi sono di proprietà dei rispettivi titolari.L'uso di questo sito web implica l'accettazione del Disclaimer e delle Regole sulla privacy.info@sanmazzeo.it
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità e inoltre gli articoli presenti nelle pagine di sanmazzeo.it sono condivisi da altre fonti, previo citazione delle stesse. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
SE QUALCUNO DOVESSE SENTIRE LESI I PROPRI DIRITTI CI CONTATTI A INFO@SANMAZZEO.IT E LE FOTO O ARTICOLI VARI SARANNO IMMEDIATAMENTE TOLTI.