Negli ultimi tempi, il comune di Conflenti ha dovuto affrontare una crescente emergenza legata alla presenza massiccia di cinghiali sul proprio territorio. Questa situazione ha destato preoccupazioni tra i cittadini e ha richiesto un intervento rapido e coordinato da parte delle autorità locali e regionali.
A seguito delle numerose segnalazioni pervenute dai residenti, l’amministrazione comunale di Conflenti ha immediatamente preso contatti con la stazione dei Carabinieri, con la Regione Calabria e con il servizio veterinario dell’ASP di Lamezia Terme. Grazie a queste tempestive azioni, l’intero territorio del comune è stato inserito nell’elenco delle zone colpite dall’emergenza cinghiali.
Questa mattina, la Regione Calabria ha emanato un nuovo decreto per affrontare il problema. In conformità con questo decreto, già da questa sera sono operativi a Conflenti due selecontrollori. Questi professionisti sono incaricati di monitorare e intervenire per ridurre la popolazione di cinghiali, garantendo la sicurezza e la tranquillità dei cittadini. I selecontrollori resteranno attivi anche nei prossimi giorni, passando in rassegna l’intero territorio fino alla completa risoluzione della problematica.
L’amministrazione comunale di Conflenti desidera esprimere un sentito ringraziamento al Maresciallo Davide Lupoli e alla Stazione dei Carabinieri di Conflenti per il loro impegno e la loro pronta risposta. Un ringraziamento speciale va anche alla dottoressa Angelina Esposito per la sua dedizione e disponibilità nell’affrontare questa emergenza.
L’attenzione delle autorità locali verso questa problematica dimostra l’importanza di una collaborazione stretta e efficace tra le varie istituzioni per garantire la sicurezza e il benessere della comunità. L’amministrazione comunale invita tutti i cittadini a rimanere vigili e a segnalare eventuali avvistamenti di cinghiali, contribuendo così alla rapida risoluzione dell’emergenza.
Conflenti, dunque, può contare su un intervento risolutivo e su una rete di supporto pronta a proteggere e a tutelare il territorio e i suoi abitanti.

Print Friendly, PDF & Email